Menu

climatv usaQuanto spazio hanno riservato la tv e i media al tema dei cambiamenti climatici?

Poco, anzi sempre meno. Dati alla mano, una nuova analisi condotta da Media Matters su alcuni mezzi di comunicazione americani ha messo in luce che il dibattito sul clima sembra essersi affievolito. Al punto che i membri della Senate Climate Action Task Force hanno inviato una lettera ai direttori dei principali canali americani, richiamandoli all'ordine.

Inviata il 16 gennaio scorso, la missiva è stata indirizzata in particolare a Fox News, ABC News, CBS News e NBC News. "Le scriviamo per esprimere la nostra profonda preoccupazione per la mancanza di attenzione ai cambiamenti climatici domenica nei news shows 'This Week' di ABC, in 'Meet the Press' di NBC, 'Face the Nation' di CBS e in Fox News Sunday", ha detto il sen. Bernie Sanders. I direttori delle quattro reti dovranno adesso spiegare il motivo della scarsa attenzione verso questo problema, così attuale.

L'analisi ha rivelato che la copertura delle notizie sul clima da parte delle quatto reti americane nel complesso è migliorato nel 2013 rispetto all'anno precedente ma rimane inferiore a quella del 2009.

Nel 2013, gli scienziati internazionali hanno pubblicato un importante rapporto sullo stato della scienza del clima, facendo seguito a una relazione del 2007. Quest'ultima ha rilevato che la scienza sul cambiamento climatico ha dato risposte forti durante questi sei anni, dimostrando ad esempio che al 95%, le attività umane sono la causa dominante del riscaldamento globale. Inoltre, il presidente Usa Barack Obama ha pronunciato un discorso importante interamente incentrato sul cambiamento climatico, applaudito da Al Gore.

Ma i media, in questo caso quelli americani, sembrano non aver dato troppo peso a questi temi. Eppure, la concentrazione atmosferica di anidride carbonica, il principale gas che causa il cambiamento climatico, ha superato il temuto traguardo di 400 parti per milione, record assoluto nella storia umana. E gli eventi meteorologici estremi ne sono la prova, anche se il collegamento col clima è stato spesso ignorato.

L'analisi di Media Matters si è basata soprattutto sull'attenzione rivolta dai tg della domenica. Questi ultimi hanno sì dedicato maggiore spazio al clima ma si tratta comunque di tempi irrisori. Ad esempio, in un anno di copertura, i programmi della domenica concentrati sul cambiamento climatico hanno avuto la durata massima di 27 minuti. È la politica ad assorbire l'88% dei tempi della TV.

grafico 2013 broadcast climate

Solo per fare alcuni esempi, Face the Nation di CBS ha dedicato quasi 16 minuti al cambiamento climatico la scorsa settimana, quasi il doppio del suo concorrente, ABC. Il primato negativo però è di NBC che non ha mai approfondito il tema in tutto il 2013.

Complessivamente le reti Usa hanno parlato di riscaldamento globale per quasi un'ora e 42 minuti durante i loro telegiornali serali nel 2013, rispetto ad un totale di meno di un'ora in tutto il 2012. La maggior parte di questa copertura - 58 per cento - è stata guidata da storie sulla relazione tra il cambiamento climatico e le condizioni meteorologiche estreme o l'impatto sulla fauna selvatica, mentre il 19 per cento è stato guidato da dati scientifici.

Francesca Mancuso

LEGGI ANCHE:

Aziende: 5 consigli per affrontare i cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici: l'appello di 33 multinazionali ad agire

Cambiamenti climatici: rischi e opportunità per le aziende. Il rapporto dell'UNEP

GreenBiz.it

Network