Menu

fbn

Molti agricoltori hanno accumulato parecchi dati storici sui propri terreni e la loro storia. Ma pochi hanno accesso a statistiche esterne e a dati che potrebbero aiutarli nel compiere decisioni corrette a livello di management, ad esempio relative alle performance dei semi o a pratiche che potrebbero rendere più sostanzioso il raccolto.

Una storia interessante è quella del Farmers Business Network, che nel profondo è una comunità social ma che di fatto vende consigli agli agricoltori e diventa anche un modello di business. La finanzia Google.

GOOGLE DIETRO FBN - La FBN è stata finanziata da Google e, inoltre, alle sue spalle si scorge un ex membro di Big G, un manager con un background in materia agraria. FBN è soprattutto un esempio di come la tecnologia possa supportare l’attività agricola, con startup e aziende che lavorano per realizzare sistemi di monitoraggio avanzati tali da rendere più efficienti le fattorie e ottimizzare le risorse a disposizione.

Una prima tornata di finanziamenti guidata da Google Venture ha permesso di alimentare la startup con 15 milioni di dollari. Gli agricoltori, per accedere ai servizi, pagano 500 dollari all’anno e ricevono in cambio dati e consigli.

Grazie a reti private di computer FBN incrocia dati privati e pubblici sui raccolti, sui trend, sulle pratiche migliori, sull’andamento del meteo; queste informazioni vengono poi vendute agli agricoltori, che in questo modo non hanno a disposizione soltanto dati sulle sperimentazioni condotte anno dopo anno sul proprio terreno, ma hanno a disposizione un sistema articolato, alimentato costantemente da informazioni su semi, colture, prodotti, risultati.