Menu

­­­­­­­

Daikin brevetti free

93 brevetti per condizionamento e riscaldamento sostenibile: la Daikin ne offre l’accesso gratuito a tutte le aziende interessate, allo scopo di incoraggiare la diffusione della tecnologia a difluorometano (noto come HFC-32) come un singolo componente refrigerante, considerato a minor impatto sul riscaldamento globale rispetto ai refrigeranti di uso comune.

La molecola offrirebbe vantaggi ambientali da non sottovalutare, a partire dalle sue trascurabili interazioni con l’ozono, cosa che comporta un impatto sul global warning inferiore alle tecnologie tradizionali. Secondo alcune stime l’HFC-32 contribuirebbe ad un uso efficiente dell’energia a prezzi accessibili. Ma perché Daikin avrebbe deciso di fare un simile regalo anche ad aziende del mondo industrializzato?

“Daikin ha offerto l’accesso gratuito a tali brevetti nei mercati emergenti dal 2011 per accelerare l’eliminazione graduale dei refrigeranti dannosi per l’ozono, come ad esempio l’HCFC-22 - spiega Shinya Okada, Senior Executive Officer di Daikin - Data l’urgente necessità di affrontare il problema dei cambiamenti climatici, Daikin è convinta che questo sia il momento giusto per estendere l’accesso gratuito ad alcuni brevetti su HFC-32 per i produttori di tutto il mondo.

Solo fair play? In realtà è chiaro che la diffusione rapida di tecnologie di riscaldamento di cui una multinazionale come Daikin è già padrona, pur creando potenziali concorrenti, potrebbe generare un mercato globale nel settore, favorendo la nascita e lo sviluppo di nuovi clienti e supplier per l’azienda.

Nonostante gli interessi privati, una simile iniziativa costituisce comunque un importante precedente, potenzialmente in grado di spingere altre compagnie a prendere iniziative simili, come ha sottolineato anche Durwood Zaelke, presidente dell’Istituto per la governance e lo sviluppo sostenibile.

D’altronde l’anno scorso l’Unione Europea ha emanato la revisione del regolamento sui gas fluorurati per ridurre l’impatto del riscaldamento globale dei refrigeranti. Inoltre negli Stati Uniti l’Environmental Protection Agency è in fase di revisione dei suoi regolamenti che stabiliscono le alternative.

Infine la legislazione giapponese sull’uso razionale e corretto dei Fluorocarburi, entrata in vigore nel mese di aprile 2015, incoraggia l’abbandono dei refrigeranti ad alto potenziale di riscaldamento globale. È necessario, quindi, un rapido adeguamento.

Le aziende interessate possono rivolgersi già da ora a Daikin Legal.

Roberta De Carolis

LEGGI anche:

- F-gas: Daikin acquisisce attività europee refrigeranti del gruppo chimico Solvay

- Riscaldamento globale: i biocarburanti sono peggiori della benzina?

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network