Menu

microsoft marijuana cannabis

In California la marijuana presto sarà legale. Ed ecco che Microsoft decide di investire in un software per controllare la corretta distribuzione della cannabis in collaborazione con la startup di Los Angeles Kind.

A livello federale negli Usa la cannabis è ancora ritenuta illegale ma alcuni Stati stanno iniziando a legalizzarla. Le aziende e le banche sarebbero ancora diffidenti rispetto a questo nuovo business. Microsoft invece ha deciso di farsi avanti collaborando ad un software che tuteli la distribuzione legale della marijuana.

L’idea di Microsoft è quella di investire in un settore in crescita e di collaborare con una startup già attiva per quanto riguarda i servizi per le aziende che producono e distribuiscono la marijuana dove è già stata legalizzata.

Il software aiuterà i produttori di marijuana a tenere traccia della provenienza dei semi e del prodotto fino alla vendita. La California tra pochi mesi si pronuncerà sulla legalizzazione della marijuana sia a scopo medico che a scopo ricreativo, insieme ad altri quattro stati.

Microsoft insieme a Kind stanno dunque provando a giocare d’anticipo per ottenere dei guadagni dall’espansione di un settore fiorente. Le aziende dovranno rispettare tutte le leggi e i regolamenti relativi alla produzione e al commercio legale della marijuana e il nuovo software di Microsoft le aiuterà a rimanere sempre aggiornate.

La novità legata alla cannabis permetterà a Microsoft di ampliare ancora di più la propria espansione subito dopo aver annunciato l’acquisto di Linkedin per oltre 26 miliardi di dollari?

Marta Albè

Leggi anche:

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network