Menu

kpnqwest datacenter

KPNQwest Italia parla del proprio utilizzo di sola energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili per i 4 data center milanesi e per i servizi Cloud, in relazione ad uno scenario in cui Internet si prepara ad essere il consumatore principale di energia elettrica.

KPNQwest Italia è una società di proprietà italiana che offre servizi di telecomunicazione a circa 10 mila aziende italiane. Si occupa di servizi quali housing, cloud computing e hosting, servizi VoIP, distribuzione documentale e archiviazione per il trattamento informatizzato della documentazione; messaggistica unificata per le automazioni fax, sms, email. Per questo crea e gestisce proprie infrastrutture e tecnologie, a supporto dei servizi erogati: data center multisala nel complesso di Milano Caldera; infrastruttura di cloud computing distribuita su più data center proprietari; rete nazionale di raccolta; rete metropolitana in fibra a Milano; centro servizi messaggistica e gestione documentale a supporto di servizi di distribuzione fax, sms, posta, email e di archiviazione e conservazione documentale.

Recentemente Greenpeace ha rilasciato il Clean Cloud Power Report, in cui sottolinea come il settore IT prelevi circa il 7% della produzione globale di energia elettrica, un dato destinato a crescere per il costante aumento del traffico internet, che si prevede triplicherà entro il 2020, e per l’aumento degli utenti internet che passeranno da 3 a 4 miliardi entro tale data.

Internet rischia di diventare uno dei maggiori consumatori di energia elettrica causando ingenti emissioni di gas serra.

Nel report, Greenpeace classifica l’impatto ambientale dei maggiori player: brand come Twitter, Reddit e Hulu non hanno passato il test non avendo rilasciato informazioni riguardo l’origine delle proprie fonti energetiche. Al contrario, fra le aziende che hanno fornito i propri dati vi sono player come Amazon Web Services, Netflix, HBO ASUS, Acer e Samsung, che ottengono valutazioni molto basse.

Riportiamo però l'esempio di KPNQwest Italia, che in relazione a questi dati precisa il suo utilizzo di energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili al 100% per alimentare i propri di data center e per il funzionamento degli uffici di Milano. I suoi quattro data center ubicati all’interno della “Fort Knox” dell’internet italiano in via Caldera a Milano ospitano oltre 7000 server e 3.5 MW di potenza installata. KPNQwest Italia ha inoltre un progetto di ottimizzazione dei consumi energetici per il raffreddamento dei propri data center che prevede delle ricerche finanziate dagli azionisti dell’azienda su materiali avanzati per il raffreddamento passivo.

Anna Tita Gallo

 

LEGGI anche:

Google: 100% rinnovabile dal prossimo anno. Ma non si esclude il nucleare

SeaDataCloud: la piattaforma innovativa per archiviare i dati marini in UE

Internet Green: Apple, Facebook e Google verso 100% rinnovabili (#clickclean)

Network