Menu

amazon dash 00Un piccolo telecomando domestico che è, insieme, un lettore di codici a barre, un dispositivo wi-fi e un microfono: ecco Amazon Dash, lo strumento che potrebbe rivoluzionare il modo in cui si acquistano alimenti e beni di consumo.

Lo ha lanciato recentemente Amazon, il colosso americano dell'e-commerce, collegandolo in via sperimentale ad un servizio già attivo, Amazon Fresh.

Amazon Fresh è un servizio che, tramite abbonamento (al momento il costo annuale è di 299 dollari), permette di acquistare da casa generi alimentari e beni di consumo nelle aree di Los Angeles, San Francisco e Seattle, per poi vederseli recapitare nel corso della giornata.

Amazon Dash andrà a integrare e perfezionare questo servizio: il piccolo telecomando bianco e nero è infatti un dispositivo collegato via wi-fi all'account Amazon Fresh dell'utente e permette di aggiungere prodotti alla lista della spesa online sia attraverso la scansione dei codici a barre delle confezioni che si hanno in casa, sia attraverso l'uso del microfono. Una volta che l'ordine sarà validato online, tutti i prodotti presenti sulla lista verranno acquistati e consegnati a domicilio.

Immaginate quindi di aprire la dispensa di casa e di accorgervi che i biscotti da colazione stanno terminando: basterà passare la vostra "bacchetta magica" Amazon Dash sul codice a barre della confezione per inserirli immediatamente nella lista dei desiderata del vostro account Amazon Fresh. Se invece siete in cucina e vi accorgete che non c'è più latte, potete dettare il nome dell'articolo a voce, utilizzando il microfono presente sul dispositivo, in modo che anche quel prodotto finisca immediatamente sulla lista della spesa.

Insomma, l'unione dei due servizi, Amazon Fresh e Amazon Dash, potrebbe davvero rivoluzionare il modo in cui le persone acquistano generi alimentari e beni di consumo, rendendolo più celere, efficiente e - perché no - anche conveniente (il servizio Amazon Fresh permette infatti di acquistare a prezzi altamente competitivi).

Quante volte, dopo aver fatto la spesa, ci si accorge di aver dimenticato un particolare prodotto? L'uso di Amazon Dash potrebbe eliminare questo genere di inconveniente, oltre che sollevare le persone dall'incombenza della spesa, "regalando" loro del tempo libero da impiegare in modo diverso.

Che sia dunque la fine dei supermercati "tradizionali"? Per il momento, non è possibile fare previsioni in questo senso, sia perché la sperimentazione di Amazon Dash è ancora nella sua fase iniziale, sia perché il settore dei generi alimentari è piuttosto delicato e si è già rivelato, in passato, un terreno difficile per l'e-commerce.

Non solo i generi alimentari sono facilmente deperibili, per cui necessitano di attenzioni più particolari e "costose" rispetto ad altri beni di consumo, ma alla maggior parte delle persone piace vedere e selezionare accuratamente i prodotti che poi porta in tavola. Per questo, l'idea di delegare tutto il processo ad un servizio online, per quanto comodo ed efficiente, potrebbe incontrare delle notevoli resistenze.

In ogni caso, la sfida è ormai stata lanciata e Amazon ha fatto sapere che, entro la fine del 2014, amplierà ulteriormente il servizio Amazon Fresh, estendendolo ad altre 20 aree urbane, anche al di fuori degli Stati Uniti.

Lisa Vagnozzi

Leggi anche:

Mobile Commerce: boom degli acquisti tramite smartphone in Italia

GreenBiz.it

Network