Menu

ricicloconcime 450I leader di oggi riconoscono l’importanza della Csr, i leader di domani sono pronti a concretizzare questi impegni.

Ma come si muovono le aziende?

Ecco 5 esempi, provenienti dall’estero, che potrebbero essere fonte d’ispirazione anche in Italia. Energia per tutti, riciclo, rinnovabili ed efficienza: la sostenibilità passa da qui.

1) HARVEST POWER

Alla base dell’innovazione, per quest’azienda che ormai conta 30 siti operativi nel NordAmerica, la volontà di creare un punto di contatto tra rifiuti, agricoltura ed energia, un punto di contatto utile alle comunità rurali.

harvest

Ebbene, gli scarti organici (cibo e verde proveniente dalla cura dei giardini, in primis) vengono utilizzati per produrre energia rinnovabile, concime e fertilizzante attraverso compostaggio e digestione anaerobica. Al momento i dati parlano di oltre 2 mln di tonnellate di materiale organico trasportato nei siti dell’azienda e di circa 65,000 MWh all’anno di energia elettrica e termica generata, oltre a 33 mln di sacchi di concime e prodotti destinati di nuovo all’agricoltura.

LEGGI: Bambù e funghi: la "ricetta" di Dell per un packaging sostenibile

3) NOKERO

Il nome sta per “No Kerosene” ed è quello di lampadine solari che rimpiazzano sia le lampadine a cherosene sia le candele di paraffina. Ma, soprattutto, costano meno delle altre luci della stessa tipologia. Si ricaricano di giorno e illuminano di notte, naturalmente.

nokero

Ma potremmo citare anche il progetto Little Sun, che vuole portare energia pulita e a basso costo a 1,6 miliardi di persone senza accesso alla rete elettrica, cominciando dall’Africa. O di WakaWaka, che dona o vende a costi bassissimi lampade fotovoltaiche alle popolazioni che vivono in assenza di elettricità o si trovano a dover fronteggiare emergenze a causa di conflitti o calamità naturali.

LEGGI: Solar Roadways: i pannelli solari al posto dell'asfalto finanziati in crowdfunding (VIDEO)

5) NEW ENERGY TECHNOLOGIES

Solar Windows ha un nome che già evoca il suo funzionamento. L’elettricità si genera grazie al fotovoltaico integrato, pare peraltro che questi prodotti saranno al centro di una crescita senza precedenti (addirittura del 40%) entro il 2016.

newenerg

D’altra parte, vanno rispettati anche gli obiettivi: in Europa abbiamo una direttiva che vuole nuovi edifici a emissioni zero dopo il 2020. E così architetti e designer sfruttano il fotovoltaico su tutte le superfici.