Menu

fdfsostenibilitaPepsiCo, Nestlé, McCain e altre realtà dell'F&B si impegnano a rispettare target di sostenibilità più ambiziosi al 2025. Sono tutte aziende del Regno Unito che fanno capo alla Food and Drink Federation. Il documento porta un nome eloquente, “Ambition 2025”, e segue il precedente “Five-Fold Environmental Ambition”.

Gli obiettivi da raggiungere sono legati alla lotta ai cambiamenti climatici, alla riduzione dello spreco di cibo, alla rivisitazione del packaging in chiave green, ma anche al trasporto delle merci, alla scelta dei fornitori: tutto deve essere orientato in chiave ancora più sostenibile. E il documento comprende anche una serie di best practices già attuate dalle varie aziende membri della Federazione, da cui Helen Munday, sustainability and chief scientific officer, commenta: “Il precedente documento era davvero un punto di rottura quando è stato lanciato nel 2007. Intanto abbiamo fatto molti progressi in varie aree, riducendo le emissioni e i consumi, così ci siamo chiesti cos'altro possiamo fare e abbiamo sollecitato le aziende del comparto e non solo”.

Le aziende della FDF sono il 16% del settore food britannico e tra loro troviamo anche Coca-Cola GB, Cadbury e McViti Ès. Le best practice descritte nel nuovo documento sono quelle di McCain Foods, Apetito, PepsiCo UK & Ireland, Ivan Wood & Sons, Warburtons, Mondelez International e Nestlé.

Infine, i nuovi obiettivi:

CAMBIAMENTI CLIMATICI – Riduzione del 55% delle emissioni di CO2 al 2025 rispetto ai dati del 1990;

SPRECO DI CIBO – Raggiungere lo “zero food waste”, senza inviare in discarica cibo sprecato nelle fasi di produzione e ridurre in generale gli sprechi lungo tutto la supply chain, dalle fattorie alle tavole;

PACKAGING – Minimizzare l'impatto delle confezioni dei prodotti e incoraggiare l'innovazione e i design che permettono di farlo;

ACQUA – Garantire una gestione sostenibile delle risorse idriche lungo tutta la filiera e contribuire alla riduzione del 20% dei consumi di tutto il comparto al 2020 rispetto ai dati del 2007;

TRASPORTI – Ridurre l'impatto dei trasporti lungo le fasi di produzione e sensibilizzare anche i fornitori;

FORNITORI – Promuovere pratiche di sostenibilità e standard;

CAPITALE NATURALE – Promuovere benefit e supportare l'integrazione del capitale naturale nei processi decisionali.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Csr è anche saper comunicare gli impegni. Reputation Institute, Google è la migliore del mondo

Sprechi alimentari: Starbucks dona 50 milioni di pasti negli Usa (VIDEO)

Green packaging: cresce la domanda globale di confezioni eco-friendly

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network