Menu

ovs fur free

OVS è tra le aziende del settore abbigliamento che ha deciso di dire no alle pellicce animali e che anche per i propri prossimi impegni conferma la politica Fur-Free.

Una scelta che si rivolge ai consumatori che preferiscono acquistare abiti che non siano stati realizzati partendo dallo sfruttamento degli animali. Durante l’inverno il tema è ancora più attuale perché parti di pelliccia spesso vengono utilizzate per ornare alcuni capi di abbigliamento o accessori come giubbotti, cappotti, cappelli e scarpe.

Di recente ha fatto scandalo un tutto il mondo il caso di Zara. Una ragazza statunitense ha infatti trovato la zampa di un topo morto cucita all’interno di un abito acquistato nel Connecticut.

Le aziende della moda e dell’abbigliamento hanno bisogno di riconquistare la fiducia della clientela sia in termini di rispetto degli animali che di sicurezza.

OVS ad esempio ha confermato la propria adesione agli standard Animal Free Fashion e Fur Free Retailer. Quest'ultimo proposto da Lav si riferisce nello specifico alla sostituzione delle pellicce animali con delle alternative.

Tutti i prodotti OVS sono garantiti da questa politica ‘animal friendly’. Le scelte rientrano nelle politiche aziendali di responsabilità sociale in cui l’azienda si impegna a non utilizzare materiai di origine animale. OVS in particolare si inserisce nella decisione di rinunciare all’uso di pellicce animali.

Molti consumatori italiani sarebbero contrari all’utilizzo di pellicce animali per la produzione di capi d’abbigliamento e per questo motivo la scelta di OVS sembra oculata e dovrebbe favorire chi è alla ricerca di alternative animal-free per quanto riguarda la moda.

Marta Albè

Leggi anche:

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network