Menu

api general mills

Le multinazionali sono le maggiori responsabili dell’inquinamento, dei cambiamenti climatici e della produzione e utilizzo di pesticidi killer delle api. Come risolvere il problema? General Mills ha deciso di donare 4 milioni di dollari per realizzare 100 mila acri di habitat naturali per le api entro i prossimi 5 anni.

General Mills collaborerà con il Dipartimento dell’Agricoltura degli Usa e con Xerces Society per coltivare piante e fiori amici delle api e delle farfalle.

L’Usda fornirà assistenza tecnica e collaborerà con gli agricoltori di tutti gli Stati Uniti in modo che piantino dei fiori selvatici e delle siepi attorno ai campi coltivati per creare nuovi habitat che favoriscano l’impollinazione e la presenza delle api, oltre che la loro sopravvivenza.

Le api contribuiscono alla produzione di un terzo del cibo e delle bevande che abbiamo a disposizione nel mondo e sembra logico che un’azienda del settore alimentare decida di entrare in gioco per la loro difesa, perché la scomparsa degli insetti impollinatori metterebbe in pericolo la catena produttiva.

Secondo General Mills, il nuovo investimento contribuirà a permettere agli impollinatori di continuare a svolgere un ruolo chiave nella produzione alimentare sostenibile all’interno degli Stati Uniti.

General Mills ha comunque ammesso di sentirsi in obbligo nel dover difendere le api non soltanto per quanto riguarda gli Usa ma per il benessere degli ecosistemi a livello globale. Circa un terzo della produzione agricola mondiale si basa sull’impollinazione ma le api servono anche per la sopravvivenza dell’80% delle piante da fiore nel mondo.

Per salvare le api bisognerà intervenire su più fronti. Infatti la scomparsa degli habitat non è l’unico ostacolo per la sopravvivenza delle api. Tra i maggiori problemi troviamo l’utilizzo di pesticidi e erbicidi tossici in agricoltura. General Mills sta già prendendo alcune decisioni da questo punto di vista ma serviranno ulteriori passi in avanti.

Marta Albè

Leggi anche:

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network