Menu

empowerplanThe Empowerment Plan è una no profit di Detroit che lavora per far emergere le famiglie senzatetto da una realtà che ormai percepiscono come tradizione e che spesso le ha travolte per generazioni. Ma ultimamente l’associazione è diventata celebre per la creazione di Veronika Scott: un cappotto che diventa un sacco a pelo per i senzatetto in poche mosse.

Attraverso la formazione, molti senzatetto vengono inseriti in progetti professionali perché abbiano uno stipendio e possano tornare ad essere indipendenti. Chi lavora per quest’associazione si impegna nella realizzazione di un cappotto pensato proprio per altri senzatetto della comunità, un soprabito che si può trasformare in sacco a pelo per la notte o in una borsa quando non viene utilizzato.

Dal 2012 l’associazione ha dato lavoro a 34 senzatetto, che ora hanno una casa in cui abitare per sé e per le proprie famiglie, e ha distribuito oltre 15 mila cappotti tra Usa e Canada.

Il progetto è nato appunto dalla mente del Ceo Veronika Scott ed era un’idea per un corso al College for Creative Studies. Il progetto avrebbe dovuto soddisfare un bisogno della comunità e così è stato. Mentre Veronika pensava al cappotto, una senzatetto protestò che avrebbe avuto più bisogno di un lavoro che di una giacca. 

Per quanto riguarda il cappotto, è impermeabile e realizzato con materiali molto resistenti forniti dalla Cordura di Carhartt o frutto del riciclo di materiali utilizzati per l’isolamento nel comparto automotive dalla General Motors. Ogni materiale, spesso, è un dono. Costa 100 dollari e si può richiedere online. Il costo copre le spese per i materiali e per la produzione vera e propria.

coat empowermentplan

Così Veronika ha leggermente spostato l’obiettivo e ha gettato le basi per la Empowerment Plan. A supportare il progetto oggi ci sono le comunità locali e realtà come la Coalition On Temporary Shelter, che si occupa di recruitment e assistenza ai bambini, o la Humble Design che fornisce arredamento per le nuove case dei senzatetto. Tra i partner: Pro-Literacy Detroit, Level One Bank, COTS, 2-Way Communications LLC, impegnati soprattutto su fronti come la formazione e lo sviluppo professionale.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Fornaio vende il panificio a 1 euro al senzatetto che gli ha salvato la vita

CSR: Bombas, l'azienda americana che dona calzini ai senzatetto

Social Bite: la catena di ristorazione no profit che offre lavoro ai senzatetto

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network