Menu

rifiuti plasticaEcover e Closed Loop Recycling insieme per sviluppare un sistema di riciclo della plastica recuperata dal mare con l'obiettivo di creare un nuovo tipo di bottiglia di plastica riciclabile e sostenibile per la loro linea di detersivi ecologici.

Il CEO di Closed Loop Recycling, Chris Dow, ha così commentato il progetto: "È decisamente importante che un grande produttore come Ecover stia prendendo una tale visione futuristica riguardo gli imballaggi, mostrando un vero impegno nel progettare nuovi prodotti avendo in mente il loro riutilizzo".

Sia Closed Loop Recycling che Ecover sostengono l'iniziativa di Waste Free Oceans che mira a ridurre i rifiuti marini galleggianti sulle coste europee. Inoltre, tra le prerogative del programma, anche quello di inviare un importante messaggio "antirifiuti" ai consumatori, evidenziando l'importanza del riciclaggio e il valore della plastica utilizzata come risorsa.

Utilizzando reti da traino per la pesca e le nuove tecnologie, WFO coinvolgerà comunità di pescatori in tutta Europa per la pulizia dei rifiuti marini galleggianti, riportandoli sulla terra ferma per il riciclaggio e il loro smistamento. Barche attrezzate con speciali reti da traino saranno in grado di raccogliere tra le due e le otto tonnellate di rifiuti (per ogni rete adoperata) per la pulizia e il riciclaggio. Impiegando la conoscenza dei pescatori e la produzione di nuove tecnologie, il progetto si propone di educare tutti i soggetti interessati nella lotta contro i detriti sulle coste d'Europa e le sue acque entro il 2020. Iniziative simili, grazie alla cooperazione di una serie di sponsor, delle ONG e dei politici locali ed europei, sono già state avviate in Belgio, Spagna, Germania, Grecia e in Austria.

"L'niziativa Waste Free Oceans non prevede semplicemente di ripulire gli oceani dai rifiuti indesiderati, il che è ovviamente importante di per sé l'ambiente. Si tratta di sensibilizzare l'industria ad assumersi la responsabilità dei rifiuti di plastica e di educare le persone ad impegnarsi nella raccolta dei propri rifiuti e riciclarli il più possibile, con la consapevolezza che i riciclatori come noi siano in grado di massimizzare questa risorsa, consentendo di riutilizzarli in nuovi prodotti alimentari e di imballaggio, riducendo in tal modo la nostra dipendenza dal petrolio", ha precisato Chris Dow, CEO di Closed Loop Recycle.

Il coinvolgimento di Ecover nella iniziativa fa parte del suo Message in our Bottle, la campagna lanciata in questi giorni che vedrà come punti di riferimento quello di raggiungere un valido schema di riutilizzo nel 2014, riducendo così i rifiuti provenienti dal mare. Inoltre, con questa iniziativa, si mira a fornire una continua innovazione per affrontare le questioni legate al packaging in plastica. L'amministratore delegato di Ecover, Philip Malmberg ha commentato: "Come produttori abbiamo avuto modo di assumerci seriamente la responsabilità per la sostenibilità, intervenendo realmente sul cambiamento climatico e sui danni apportati dalla nostra eccessiva dipendenza dai combustibili fossili, con la creazione di prodotti "verdi" in grado di offrire più di un passo avanti verso la sostenibilità".

Federica Vitale

Leggi anche:

- EAFA: sono ottime le performance di riciclaggio dei tappi a vite in alluminio

- ReBioFarm: imballaggi innovativi grazie alla schiuma in biopolimero giodegradabile

GreenBiz.it

Network