Menu

comiecoPer promuovere lo sviluppo di imballaggi cellulosici rispettosi dell’ambiente, Comieco (il Consorzio nazionale che si occupa del recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica) aveva ideato il Club del cartone responsabile, in modo da riunire le imprese che hanno scelto l’imballaggio sostenibile come valore e diffondere le loro best practice.

Sono oggi una quarantina i membri del club, tutte aziende portabandiera del Made in Italy. Comieco sta, inoltre, portando avanti uno studio insieme all’università IUAV di Venezia proprio sugli imballaggi e, più precisamente, su quelli in carta e cartone, i cui risultati saranno disponibili a fine anno.

Intanto il consorzio durante il 4° Consumer & Retail Summit del Sole 24 Oreha presentato alcuni dati sull'argomento provenienti da una ricerca Eurisko. In particolare, a svelare le percentuali relative al rispetto degli imballaggi verso l’ambiente, è stato il direttore generale di Comieco, Carlo Montalbetti durante la tavola rotonda su “Business e Sostenibilità”, che si è tenuta all'interno dell'evento organizzato da Il Sole 24 Ore". Lo scorso anno, sono stati immesse al consumo 4 milioni di tonnellate di imballaggi cellulosici, vale a dire il 37% del totale. Grazie al funzionamento della raccolta differenziata, 4 imballaggi su 5 – l’80% - sono stati riciclati, con un raddoppio di questa percentuale nel giro di un decennio.

Ma cosa ne pensano gli italiani? Secondo la stessa ricerca, gli imballaggi cellulosici ci piacciono per vari motivi: per la riciclabilità (61%), il rispetto per l’ambiente (47%) e il basso costo (55%), ma anche perché ci danno un’idea generale di igiene, sicurezza e qualità.

Anna Tita Gallo

GreenBiz.it

Network