Menu

carta di legumi

Con gli scarti di lavorazione di fagioli e lenticchie si può dare vita ad una carta ecologica 100% riciclabile, biodegradabile e dalle diverse applicazioni. In questo modo le aziende alimentare possono avviare gli scarti ad un sistema di riutilizzo intelligente.

La nuova tipologia di carta riciclata ottenuta dagli scarti della lavorazione industriale dei legumi è nata da una collaborazione tra l’azienda alimentare Pedon, come progetto ambientale, e la cartiera italiana Favini.

Questa carta ecosostenibile azzera gli sprechi e consente un risparmio del 15% di cellulosa proveniente da un albero e una diminuzione del 20% delle emissioni di gas ad effetto serra. La carta ottenuta dagli scarti dei legumi ha una colorazione bianca naturale, è leggermente porosa al tatto e ha dei residui di legumi ben visibili in superficie.

Può essere utilizzata sia nel packaging alimentare sia in ogni tipo di lavorazione cartotecnica e di stampa, anche nel mondo dell’editoria. La carta CRUSH Lenticchia, ad esempio, sarà utilizzata per la stampa di un bimestrale che si occupa di sostenibilità e di economia circolare, per un totale di oltre 8000 copie.

“L’idea di utilizzare e sperimentare nuove carte derivate da scarti agroalimentari, è nata dopo il fortunato incontro e l’inizio di una collaborazione con Favini. L’utilizzo di carta CRUSH Lenticchia per la stampa del nostro magazine è sicuramente una forte scelta di immagine per restituire ai nostri lettori, anche a livello tattile, la concretezza dei concetti di sostenibilità e impatto ambientale che affrontiamo nella rivista” – ha spiegato Federico Manca, responsabile relazioni internazionali del magazine Materia Rinnovabile.

CRUSH Fagiolo è stata la prima carta per il packaging alimentare nata dagli scarti della lavorazione dei fagioli recentemente premiata con l’Oscar dell’Imballaggio 2016 e ora la nuova carta CRUSH Lenticchia si prepara a farsi strada per nuovi utilizzi e riconoscimenti come esempio intelligente di recupero degli scarti alimentari e di risparmio della cellulosa proveniente dal taglio degli alberi.

Marta Albè

Leggi anche:

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network