Menu

Tesla-Supercharger-promo Stazioni di rifornimento a energia solare gratuite e velocissime.

Sono quelle che Tesla Motors installerà lungo le strade del Nord America grazie al suo progetto Tesla Superchargers. Sei di loro sono già correntemente attive, ma entro il 2015 saranno 100, secondo quanto spiega la casa automobilistica sul suo sito.

Le stazioni sono progettate per fornire mezza carica in appena mezz'ora, il che equivale "a percorrere 300 chilometri con la nostra batteria di gamma da 85 kWh", spiega Tesla, annunciando che presto le "Superchargers" potranno essere trovate proprio in quei posti dove è comodo fermarsi, tavole calde lungo le strade, caffè e centri commerciali.

Quindi messo il freno a mano e iniziata la ricarica, appena finito di mangiare durante la sosta l'auto Tesla Model S, la berlina prodotta dalla casa americana, sarà bella e pronta al ritorno del guidatore.

come un'iniezione di adrenalina per la tua auto", pubblicizza Tesla. Già, perché Supercharging risponde al problema più grande delle auto elettriche: percorrere lunghi viaggi senza dover effettuare lunghe soste per ricaricare le batterie. Per questo ci vuole più potenza e una carica più veloce. Con i suoi 90 kW, la nuova stazione Tesla offre una potenza maggiore di 4,5 volte in più rispetto agli attuali alimentatori, che viene indirizzata in modo sicuro tramite cavi speciali che si collegano direttamente alla batteria.

È così che Tesla Model S, che avrà un costo base di circa 50 mila dollari, potrà comodamente ripristinare la carica energetica delle batterie di bordo, oltre tutto gratuitamente e a tempo "indefinito", promette il colosso americano.

Ora il progetto della società di Palo Alto prevede l'installazione di stazioni in California, Nevada e Oregon entro la fine di quest'anno e in tutti gli Stati Uniti nel giro di due anni. Le sei stazioni già attive, costruite in gran segreto, usano anche impianti fotovoltaici per fornire il proprio servizio di ricarica. Per viaggiare finalmente negli States senza inquinare.

Roberta Ragni

GreenBiz.it

Network