Menu

coreve spotUn testimonial azzeccato e 3 campagne in altrettanti dialetti per comunicare direttamente con Calabria, Puglia e Sicilia. Con questi ingredienti il Coreve (Consorzio Recupero Vetro) si rivolge al Sud, con l’obiettivo di migliorare la raccolta differenziata del vetro.

TESTIMONIAL SCOMODI – La scelta di un testimonial che incarni valori aziendali è sempre complicata. Siamo in un’epoca in cui – lo diciamo spesso – il vero testimonial è il cliente che innesca il passaparola sul Web e che non perdona errori. Alcuni personaggi famosi vengono associati ai brand più per la loro immagine che per l’assonanza con i prodotti reclamizzati.

A questo proposito possiamo citare, solo a titolo d’esempio, Carlo Cracco, criticato per aver pubblicizzato un marchio di patatine, un altro suo collega, lo chef Antonino Cannavacciulo, che invece è comparso a sostenere le virtù di un formaggio tipico del Nord Italia. In questo caso la scelta è ricaduta su Mario Tozzi, che incarna perfettamente la figura del divulgatore, protagonista in tv per spiegare con semplicità questioni di grande importanza, ambientali in primis.

LO SPOT - 4 amici pranzano a tavola e conversano di un prodotto locale tipico contenuto o in bottiglia o in vasetto di vetro (il peperoncino calabrese, l’olio pugliese, il vino siciliano). La tv è accesa e mostra Mario Tozzi che, a sorpresa, interviene nella conversazione ricordando l’importanza di incrementare e migliorare la raccolta differenziata del vetro. In chiusura è proprio lui a recitare il payoff: “Solo bottiglia e vasetto, per un riciclo perfetto”.