Menu

heineken logo 450Heineken Italia ha presentato i risultati del 2013 a livello nazionale ottenuti con il piano di sostenibilità “Brewing a Better Future (“Fermentare un futuro migliore”), con cui punta a diventare il produttore di birra più green al mondo entro il 2020. Sono 4 le priorità del piano.

PRODUZIONE A BASSO IMPATTO - Nel 2013 sono state ridotte del 47,2% le emissioni di CO₂ legate alla produzione di birra rispetto al 2012, risultato confermato dalle certificazioni GO (Garanzia di Origine), che attestano un utilizzo esclusivo di energia proveniente da fonti rinnovabili. Il traguardo segue anche all’installazione, nel 2012, di 2 impianti fotovoltaici sui tetti dei birrifici di Comun Nuovo (BG) e Massafra (TA). In totale, sono state evitate emissioni nell’atmosfera per oltre 20.788 tonnellate di CO₂, pari al consumo di 3.923 automobili che compiano un giro completo intorno all’equatore.

TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE - L’acqua è l’ingrediente principale della birra (95%), dicono da Heineken: nel 2013 l’azienda è riuscita a ridurre del 21,1% rispetto al 2012 i consumi idrici legati ai processi produttivi, risparmiando circa 8 milioni di ettolitri d’acqua in un anno, corrispondenti alla capienza di 315 piscine olimpioniche. In particolare tutto questo è stato possibile grazie a soluzioni come il nuovo sistema di condensatori evaporatori del birrificio di Comun Nuovo (BG), per cui sono stati investiti 2,4 milioni di euro.

BUSINESS SOSTENIBILE – Heineken precisa che sono stati tenuti molto in considerazione i sistemi di logistica e distribuzione per ridurre l’impatto ambientale del business nelle fasi di produzione e commercializzazione. Si legge in una nota dell’azienda che nel 2013:

- L’81% dei trasporti tra birrifici e dai birrifici verso i depositi sono stati effettuati con intermodalità e non solo su strada

- Con lo sviluppo di una nuova generazione di Draught Beer Cooler (impianti di spillatura) con gas ecologici e sistemi di controllo elettronici, il consumo energetico per spillare la birra nei locali scende del 15% e le nuove colonne spina ExtraCold (ghiacciate all’esterno), hanno un fabbisogno energetico ridotto del 40% rispetto al modello precedente.

- Il 100% dei nuovi frigoriferi installati nel 2013 presso i punti di consumo (oltre 1.800 refrigeratori) sono modelli green a basso impatto (dotati di termostato con funzione EMS, di illuminazione al LED e alimentati da tecnologia a idrocarburi)

Nel 2013 il 100% degli oltre 1.200 fornitori ha siglato il Supplier Code, un codice di condotta che traccia le linee guida da seguire in termini di integrità, diritti umani e tutela dell’ambiente.

PROMOZIONE DEL CONSUMO RESPONSABILE – Non si possono non menzionare le campagne di advertising e comunicazione specifiche e la promozione di iniziative di supporto con Associazioni non governative. Quest’anno sarà investito il 10% del budget advertising del brand nello sviluppo di iniziative e campagne di sensibilizzazione sul consumo responsabile. Ricordiamo in questo ambito la campagna online “Dance More, Drink Slow”, realizzata in collaborazione con il dj Armin Van Buuren, e lo spot tv “Sunrise belongs to moderate drinkers”, in cui il protagonista in discoteca rifiuta una birra per scegliere una bottiglia d’acqua.

Il manifesto della sostenibilità di HEINEKEN Italia

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Meno emissioni, piu' tutela acqua. Il rapporto di sostenibilità di Heineken

Sostenibilità: nel 2011 Heineken ha risparmiato 296 tonnellate di CO2. E non solo

GreenBiz.it

Network