Menu

bufale

Facebook apre la caccia alle bufale online per dire stop alla circolazione di notizie false sul web. L’informazione ormai passa soprattutto da internet e dai social network e le fake news sono sempre dietro l’angolo.

Sulle notizie false c’è chi ha pensato di costruire un vero e proprio impero economico con decine di siti pronti ad attirare i click dei lettori per aprire articoli con notizie completamente senza fondamento.

Probabilmente ormai siamo giunti alla classica goccia che fa traboccare il vaso e Facebook, che è il social network più utilizzato per la condivisione di notizie, ha deciso di prendere provvedimenti con un bel bollino rosso per contrassegnare le ‘bufale’.

La prima notizia indicata come critica dal nuovo sistema di Facebook riguarda Donald Trump ed è stata indicata come notizia ‘disputed’, cioè ‘contestata’.

Si tratta principalmente di un invito al lettore ad utilizzare il proprio senso critico nel valutare la veridicità di una notizia e a tenere a bada la smania del click compulsivo prima di dare il via alla condivisione del link in questione.

Attenzione: la prima notizia contestata da Facebook non proviene da una testata giornalistica online ma di un sito web che tra l’altro si definisce satirico, The Seattle Tribune.

A partire dai feedback degli stessi utenti, Facebook ma anche realtà esterne a cui è stato assegnato tale compito, si occuperanno di verificare la veridicità e la fondatezza di una notizia e di segnalarla come ‘critica’ per avvertire i lettori che potrebbe trattarsi di una bufala o comunque di una news da vagliare.

Speriamo che la comunicazione ambientale possa trarre giovamento da questa novità che permetterà finalmente di dare il giusto spazio alle notizie reali e verificate. Al tempo stesso consentirà di mettere in un angolo le notizie fake che abbindolando i lettori, che ottengono migliaia di condivisioni e diffondono, purtroppo, false informazioni, togliendo spazio a ciò che corrisponde al vero.

Marta Albè

 

Leggi anche:

Bufale online: Google e Facebook contro le notizie false

Bufale, menzogne e notizie reali: quando il web confonde i giovani

La non bufala dell’app Coop sulle origini dei prodotti alimentari (VIDEO)

 

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network