Menu

whatsappAnche tramite WhatsApp si potrà inviare denaro. Accadrà in India, il mercato maggiore per l’app, che proprio come Facebook Messenger non solo è di proprietà di Mark Zuckerberg ma punta a diventare una piattaforma su cui avvengono transazioni tra utenti.

L’idea è appunto quella di sperimentare questa possibilità in India, là dove si registra il maggior numero di utenti, oltre 200 mln, sebbene non esista un team WhatsApp in loco. Sarà utilizzato il sistema di pagamento UPI, che ha dalla sua parte l’appoggio del governo.

Nel giro di 6 mesi dovrebbe partire il progetto, una novità che per gli utenti non comporterà particolari cambiamenti, se non l’aggiunta di una funzione che consente l’invio tramite messaggio di piccole somme di denaro.

Non è una notizia che coglie di sorpresa, anche perché negli scorsi mesi Brian Action, uno dei fondatori dell’app, aveva già parlato di questa possibilità proprio nel corso di una visita in India. E non coglie di sorpresa anche perché Facebook negli Usa consente già di fare altrettanto e in Europa si prepara a farlo.

E’ evidente: le app di Zuckerberg si muovono tutte verso la medesima direzione, vale a dire l’inserimento delle transazioni tra le comuni azioni che l’utente può compiere. Il meccanismo, a lungo andare, chiaramente sarà un modo per incentivare nuove forme di collaborazione commerciale con le aziende: l’India è stata appunto scelta perché conta il maggior numero di utenti, ma è facile immaginare un’evoluzione di questa funzione, con le aziende che potrebbero ricevere pagamenti dai propri clienti direttamente via messaggio. Allo stesso tempo, è facile immaginare anche quanto per un cliente sia comodo acquistare con un semplice messaggio e in tutta sicurezza senza passare da siti esterni di banche o e-shop.

Le potenzialità del mezzo sono già state individuate da altre app. Sempre in India, la svedese Truecaller ha già introdotto i pagamenti “da utente a utente” in collaborazione con ICICI Bank (che usa anch’essa il Sistema UPI), nel tentativo di poter competere con app più celebri come la stessa WhatsApp o Hike. Potrebbe sorgere un problema di competizione tra Messenger e WhatsApp? No, almeno in India, visto che Messenger non è ancora abbastanza popolare, mentre WhatsApp ha il vantaggio di rappresentare uno strumento che sta facilitando l’e-commerce anche se non esiste ancora alcuna funzione di pagamento.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Mai più notizie false su Facebook: arriva il bollino rosso anti-bufale

Facebook: anche in Europa si potranno fare pagamenti via chat

Facebook: il futuro sono i video. Si tratta per la produzione di contenuti originali  

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network