Menu

commoon crowdfundingÈ nata Commoon.it, la piattaforma italiana per progettare un mondo sostenibile grazie al crowdfunding. La piattaforma web è stata sviluppata da un team tutto italiano, formato da Guido Lanci e Matteo Carbonoli, da anni impegnati nel settore dell'ecodesign. Commoon.it è stata inaugurata ieri, giovedì 20 giugno 2013.

La piattaforma permetterà di mettere in contatto coloro che hanno necessità di trovare soluzioni sostenibili nei propri ambiti lavorativi, con riferimento al terzo settore, con chi può offrire le competenze richieste e con chi vuole sostenere progetti che permettano di costruire un mondo migliore.

I finanziamento avverranno attraverso micro-donazioni via web. Visitando il sito web www.common.it sarà possibile proporre progetti, offrire soluzioni o sostenere economicamente le idee più meritevoli. I collaboratori di Commoon aiuteranno coloro che decideranno di presentare i propri progetti, definendo un budget ed indicando le vie per risolvere eventuali problemi.

I progetti potranno riguardare i seguenti ambiti: acqua, agricoltura e cibo, soluzioni per il lavoro, istruzione, ausili e attrezzature per la salute, trasporto, gestione dei rifiuti e dei materiali recuperabili, energia. Potranno presentare i propri progetti: singole persone, gruppi sociali, gruppi di cittadini, cooperative sociali, gruppi di garanzia del microcredito, realtà del terzo settore e del nonprofit in generale.

"Il web è il luogo più adatto per dare vita ad un progetto come questo" sostengono Guido Lanci e Matteo Carbonoli, titolari di Rikrea e responsabili di Commoon. "La partecipazione delle persone è fondamentale per lo sviluppo sociale e la difesa dell'Ambiente, e il modo più semplice per arrivare a tutto il mondo non può prescindere dall'utilizzo di internet. L'obiettivo è sviluppare soluzioni che sostengano l'emancipazione umana e la difesa della biodiversità, che migliorino le condizioni di lavoro e di vita delle persone".

Quando il progetto risulterà ben definito, verrà pubblicato sul portale e verrà dato inizio alla raccolta del denaro necessario per realizzarlo. Una percentuale del 7% servirà per coprire i costi di gestione del sistema. Il rimanente verrà interamente utilizzato per dare vita al progetto. La progettazione e la risoluzione dei problemi avranno inizio quando il bidget stabilito sarà stato raggiunto. La raccolta fondi sarà gestita da Il Grande Carro Onlus. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito web www.commoon.it.

Marta Albè

GreenBiz.it

Network