Menu

pesaro ufficio cielo aperto

A Pesaro nasce l'ufficio a cielo aperto per lo smart working. Grazie ad una collaborazione tra il Comune di Pesaro e Microsoft, via Rossini è stata trasformata in un punto di riferimento per il lavoro moderno e flessibile lo scorso 23 giugno.

L'idea ha coinvolto i dipendenti del Comune che hanno potuto svolgere normalmente il proprio lavoro, ma fuori sede. L'idea è di sfruttare al meglio le nuove tecnologie per lavorare da qualsiasi luogo e offrire comunque i servizi rivolti ai cittadini senza problemi, a testimonianza della flessibilità che il lavoro smart può garantire.

Il Comune di Pesaro ha adottato la piattaforma di cloud computing per la produttività Office 365 e pc portatili che permettono ai dipendenti di lavorare ovunque e in qualunque momento per collaborare a progetti e condividere informazioni.

Questo processo di cambiamento basato sulle nuove tecnologie ha l'obiettivo di mettere il cittadino al centro di un nuovo sistema dove l'Amministrazione pubblica locale avrà la funzione di hub di servizi. La riforma della Pubblica Amministrazione permette infatti di creare piattaforme digitali per semplificare la burocrazia.

L'iniziativa nata in collaborazione con Microsoft è volta a promuovere la diffusione delle Smart City sul territorio italiano, facendo leva sulle nuove tecnologie – cloud, mobile, social enterprise e big data – per rispondere in modo efficace alle esigenze dei cittadini.

"La Pubblica Amministrazione sta vivendo un processo di cambiamento verso una PA sempre più orientata al cittadino e l'innovazione rappresenta un driver primario di efficientamento. L'esperienza del Comune di Pesaro dimostra come sia importate fare una stima puntuale dei costi IT per selezionare le soluzioni più in linea con le esigenze dei singoli enti, senza cadere nella tentazione di un taglio indiscriminato degli investimenti tecnologici" – ha dichiarato Matteo Ricci, sindaco di Pesaro.

L'intera migrazione della posta è stata portata a termine in un solo mese a metà maggio e i primi esiti del progetto d'innovazione sono positivi, poiché i circa 700 dipendenti del Comune apprezzano la possibilità d'interagire più facilmente tra le 33 sedi dell'amministrazione e reputano importante la possibilità di essere sempre connessi per poter offrire un servizio più continuativo ed efficace ai circa 100 mila cittadini.

"La nostra amministrazione sta evolvendo al passo con i tempi con l'obiettivo di diventare un hub di servizi sempre più evoluti per i cittadini. I dipendenti pubblici giocano un ruolo chiave in questa missione e la tecnologia può chiaramente rappresentare un valido alleato per aiutarli ad essere più produttivi e ad offrire un servizio efficace alla cittadinanza. Microsoft Office 365 ci permette di rinnovare i nostri processi e di inaugurare uno stile di lavoro più moderno e flessibile, che colga tutte le opportunità offerte dai nuovi trend tecnologici come il Cloud Computing e la Mobility per fare di Pesaro una Smart City capace di dar vita a un modello di partecipazione attiva con dipendenti più motivati e cittadini più soddisfatti" – ha aggiunto il sindaco.

Si punta ad un nuovo modo di lavorare in una logica di Smart Working e alla volontà di generare anche efficienze in termini di riduzione delle spese telefoniche e dei costi/tempi di trasferta per le riunioni tra enti pubblici (circa 200 all'anno). Secondo una stima per eccesso, la migrazione a Office 365 è idi circa il 30% più economica rispetto alla migrazione a OpenOffice, anche perché più rapida e gestibile dalle risorse IT interne.

Marta Albè

Leggi anche:

Uffici virtuali: come la tecnologia sta cambiando gli spazi di lavoro

Coworking: come creare un ufficio condiviso in casa propria (VIDEO)

Corciani, piccola smart city: 100% rinnovabili per luci e edifici pubblici

GreenBiz.it

Network