Menu

equity crowdfundingEquity crowdfunding, un nuovo modo per finanziare le start up e i progetti innovativi. L’equity crowdfunding è una modalità specifica di crowdfunding professionale, che permette alle start up innovative di fare il proprio ingresso nel mondo della raccolta fondi “dalla folla”.

Si tratta di una forma di crowdfunding professionale che consente alle start up di quotarsi e quindi di raccogliere risorse economiche per lo sviluppo dei propri progetti incentrati sull’innovazione. Per realizzare operazioni simili sono necessari soggetti autorizzati da Consob, tra i quali troviamo Starsup. L’idea è di dare nuova linfa alle realtà emergenti per uscire dalla crisi economica e di creare reti di collaborazione tra le start up innovative, che insieme possono incontrare la folla degli investitori, interessati alle novità che le start up vorrebbero mettere in campo.

Non è vero che il nuovo è sempre meglio: non tutte le tecnologie rappresentano una garanzia per un futuro migliore. Ora le start up e le aziende iniziano a riservare un occhio di riguardo all’impatto sociale e ambientale dei nuovi prodotti e strumenti, oltre che al profitto.

L’equity crowdfunding permette alle start up di dover ricorrere molto meno al credito bancario. Si tratta di un vero e proprio finanziamento dal basso che non sottrae risorse, come avverrebbe con le banche ma che, anzi, le mette a disposizione facilmente, a patto che alla base vi sia un progetto ben strutturato e vincente che possa attirare l’attenzione degli investitori.

Il crowdfunding permette alle start up di fare rete e di entrare in contatto con soggetti davvero interessati alla realizzazione del progetto. Fare rete è uno slogan, ma è soprattutto un obiettivo importante da raggiungere per dare vita alle proprie idee in modo concreto. Tra le realtà italiane che di recente si sono avvicinate all’equity crowdfunding troviamo Nova Somor, che ha deciso di realizzare motori solari termodinamici a bassa temperatura.

Eliopompa-NS1-NovaSomor-Musil-01

Il crowdfunding (qui la campagna di raccolta fondi) permetterà al marchio di dare vita a lotti di prodotti adeguati in linea con le richieste economiche dei fornitori, di lavorare in parallelo su diversi fronti, anziché in serie, e di acquisire, senza il consueto timore per i costi, personale qualificato per poi avviare una selezione di giovani laureati specializzati in termodinamica che potranno crescere e fare carriera proprio all’interno dell’azienda. Il progetto guarda al passato, grazie ad una tecnologia italiana inventata quasi 100 anni fa, all’insegna del motto “non è vero che nuovo è sempre meglio”.