Menu

branson amaca 450La flessibilità nel lavoro ha rivoluzionato il come, dove e quando siamo all’opera. Ma se non abbiamo più bisogno di un orario di lavoro tradizionale allora a che servono le regole sulle ferie?

Richard Branson, businessman “papà” del blocco di aziende a marchio Virgin, dal suo blog e nel suo nuovo libro lancia un messaggio chiaro: sono i dipendenti a dover gestire il proprio tempo libero, sono i risultati che contano. Non è un’idea sua, ma presto i suoi dipendenti la sperimenteranno.

NETFLIX – Il Branson-pensiero si rifà a quanto accade in Netflix, società che opera nel settore dello streaming video. Tutto ruota al concetto di diritto alle ferie. A quanto pare, la pratica di non tracciare sistematicamente le ferie e non sottoporre il tempo libero a schemi può rendere le persone più produttive e, per giunta, più creative. Branson si è interessato ad un articolo che raccontava di Netflix apparso sul Daily Telegraph e si è convinto.

UNICA REGOLA: NESSUNA REGOLA - Non si tratta però di lasciare i dipendenti liberi di prendersi pause e giorni liberi come e quando vogliono, essendo comunque pagati. Si tratta di cambiare le regole e, anzi, di eliminarle.

branson

Photo Credit

Non servono richieste formali, né approvazioni da parte dei superiori. Sono i lavoratori a decidere quando assentarsi: un giorno, un’ora, un mese, non importa. Importa soltanto il risultato del loro lavoro. D’altra parte, un dipendente affidabile e che tiene alla propria carriera, che ama il proprio lavoro e che è stata selezionato da recruiter altrettanto affidabili, è anche in grado di autogestire il proprio tempo senza danneggiare se stesso e la realtà per cui opera.

UN NUOVO MODO DI LAVORARE – In questo scenario, il telelavoro è sicuramente una delle soluzioni possibili. Perché non dare la possibilità di lavorare da casa, ad orari diversi da quelli d’ufficio? Di fatto, per molti tipi di attività, occorrono soltanto un pc e una connessione Internet.

Così, alla Netfix, la “Reference Guide on our Freedom and Responsibility Culture” spiega che il focus è tutto su quanto le persone portano a termine, non sulle ore che trascorrono in ufficio. E lo smart working è già realtà in parecchie aziende come Vodafone.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Produttivita': 6 consigli per aumentarla nel 2014

Tecnica del pomodoro: come gestire il tempo e aumentare la produttività

Green Office Day 2014: 5 strategie verdi per migliorare la produttivita' in ufficio (#muovitigreen)

PerchÈ aggirare il divieto di Facebook in ufficio conviene (INFOGRAFICA)

Produttivita’ dei dipendenti: come aumentarla con un ufficio green

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network