Menu

stress lavoro smartphoneControllare da casa le e-mail di lavoro può causare ansia, mal di testa e problemi cardiaci.

Gli stessi effetti sono associati alle telefonate di lavoro ricevute durante il fine settimana. Gli esperti mettono in guardia chi non riesce a prendersi una pausa dalle attività lavorative quando torna a casa e nel weekend.

Uno studio condotto su 57 mila persone ha rivelato che più della metà dei soggetti considerati ha la tendenza a lavorare oltre l’orario d’ufficio, per via della facilità d’accesso ai documenti di lavoro tramite smartphone, tablet e computer. Davvero, dunque, la tecnologia facilita la vita e rende più liberi?

Secondo i ricercatori, chi lavora la sera e durante il fine settimana è più propenso a lamentarsi di problemi di insonnia, mal di testa, affaticamento, ansia e disturbi di stomaco. Anche i disturbi muscolari e cardiovascolari sono stati correlati all’abitudine di lavorare al di fuori del normale orario.

Secondo gli scienziati, sono necessarie regole più severe per fare in modo che il lavoro non invada la vita quotidiana dei dipendenti. I progressi tecnologici hanno creato una cultura always-on, che tende a rendere le persone sempre a disposizione per il lavoro. Ma il tempo libero e il riposo sono essenziali per aiutare il corpo a recuperare.

I ricercatori hanno basato le loro conclusioni su due importanti indagini condotte sui lavoratori di tutta Europa. Smartphone e tablet nascondono il pericoloso potenziale di rendere i dipendenti disponibili sempre e ovunque. Secondo Anna Arlinghaus, autore principale dello studio, anche una piccola quantità di lavoro supplementare oltre l’orario concordato contrattualmente può portare a problemi di salute. Il solo accesso allo smartphone, ad esempio, prolungherebbe la giornata di lavoro di 2 ore.

La Francia di recente ha introdotto delle norme che tutelano i lavoratori del settore digitale e della consulenza, per evitare di ricevere e-mail al di fuori dell’orario d’ufficio. Il Governo tedesco sta esaminando misure analoghe.

Deutsche Telekom ha già deciso di interrompere l’invio di e-mail ai dipendenti nelle ore serali e nel fine settimana, mentre nel 2011 la Volkswagen ha annunciato lo stop alle e-mail dirette ai dipendenti fuori dall'orario d'ufficio. Secondo gli esperti, non tutti i Paesi adotteranno miglioramenti come la Francia, dunque dovranno essere le aziende a tutelare i lavoratori.

Marta Albè

Leggi anche:

La pausa caffè fa bene alle aziende: aiuta a combattere lo stress sul posto di lavoro

Telelavoro: 8 errori da evitare quando si lavora da casa

Andare al lavoro a piedi: 10 benefici (piu' uno)

Stress da lavoro: al via campagna #EUmanagestress per prevenirlo e gestirlo

Ufficio mobile: 10 utili applicazioni per il lavoro fuori casa

GreenBiz.it

Network