Menu

uffifiverdidrawIn molti vorrebbero un ufficio più green ma nella pratica non riescono ad organizzarsi al meglio. C’è chi ormai ha ricreato un orto sul luogo di lavoro, ma allo stesso tempo ci sono moltissime persone che non sanno da dove iniziare per essere meno nemici dell’ambiente.

Ecco qualche consiglio basilare tra quelli forniti da Bea Johnson, autrice di “Zero Waste Home”.

1 – FATE UN GIRO NEI NEGOZI DELL’USATO

Spesso si associano questi negozi a vestiti e mobili usati. Ma nei mercatini ci sono anche molti articoli perfetti per l’ufficio, alcuni anche perfetti per contribuire a dare un tocco vintage agli ambienti. In ogni caso, meglio utilizzare qualcosa che già è stato creato piuttosto che alimentari nuovi consumi.

2 – ACQUISTATE ARTICOLI RIUTILIZZABILI

Stop ai prodotti usa e getta. Un piccolo passo avanti è, ad esempio, preferire penne ricaricabili. Nulla di più semplice, ma in quanti già lo facciamo? Solitamente si comprano stock di penne a buon prezzo e non si pensa molto all’ambiente.

3 – PREFERITE MATERIALI RICICLABILI

Non solo oggetti ricaricabili, ma anche oggetti che possono essere smaltiti facilmente. Esistono, ad esempio, matite colorate fluo che consentono di evitare i soliti evidenziatori in plastica.

4- ABBATTETE I CONSUMI

È sempre meglio provare ad eliminare tutti i consumi inutili, che peraltro significa anche risparmiare. L’estremo può essere quello di non stampare in ufficio, eliminando quindi stampanti, toner e carta, ma anche la tentazione di stampare quando non necessario.

5 – IL FATTORE CARTA

In ufficio la carta è sempre il tasto dolente. Si può iniziare dall’eliminazione di oggetti inutili e antichi come le rubriche (i numeri di telefono sono online!), inoltre si può chiedere ai vari operatori di non inviare più le bollette cartacee ma di farlo via e-mail. E poi il solito consiglio è quello di riciclare la carta per creare una raccolta di “fogli di brutta” da utilizzare e da rendere comune per tutti.