Menu

eumobilweek 450 È ufficialmente iniziata la Settimana europea della mobilità sostenibile, sotto lo slogan “Our streets, our choice”.

Fino al 22 settembre a farla da padrona saranno le alternative al traffico e alla mobilità a cui siamo abituati, quella che evoca petrolio e smog. Via libera alle proposte alternative e sostenibili, che come ricorda lo stesso slogan sono una scelta. Intanto riflettiamo.

BIKENOMICS – L’utilizzo della bicicletta tocca in Europa il 7,2% sul totale dei mezzi e genera 200 mld di giro d’affari all’anno (dati Ecf - European Cyclists' Federation). Non solo risparmio in termini di emissioni nocive, ma anche di denaro. E comunque si generano anche profitti: bici e accessori generano 18 mld di euro all’anno, il cicloturismo sposta 44 mld. Per ogni km di pista ciclabile turistica l’indotto annuo è di 110-350 mila euro (dati Eurovelo).

Per l'Istat, chi passa dall’automobile alla bicicletta per recarsi al lavoro risparmia fino al 20% del proprio stipendio. L’Oms, inoltre, ha dichiarato che 1 mld di euro investito sulla mobilità ciclabile incentiva la creazione di 21.500 posti di lavoro, spinge la domanda e gli investimenti orientati a stili di vita a minore impatto ambientale e può consentire la creazione di 76mila posti di lavoro in Europa, oltre alla riduzione di 10 mila morti in incidenti stradali. Teniamo conto che l’Oms si occupa di mobilità sostenibile perché 110 mld di euro sarebbe il risparmio in spese sanitarie legato all’aumento dell'uso della bici in Europa. E la bikenomics è il tema del Bike Pride 2014 del 21 settembre che si svolgerà a Torino.

LA MOBILITA’ SOSTENIBILE NEL MONDO – Sempre di più nel mondo le grandi città con la vocazione di diventare vere smart cities guardano alla mobilità green. La Cina sostiene le auto elettriche con un maxi finanziamento per le colonnine di ricarica. In Giappone è stato previsto un programma di incentivi per veicoli a idrogeno e celle a combustibile: 2.000.000 di Yen (circa 15mila euro) per l'acquisto di un'auto.

In Europa lo scorso anno le vendite sono raddoppiate e sono stati venduti quasi 50 mila veicoli elettrici, di cui quasi la metà, 24 mila, sono vetture nuove come Renault Zoe, Mitsubishi Outlander e Volvo V60 Plug-in. Nel Regno Unito e in Irlanda i grandi colossi dell’auto stanno lavorando insieme.

In Italia forse siamo indietro a livello di infrastrutture, ma i cittadini sono sensibili: lo dimostra il successo di car2go, con oltre 130 mila utenti che, a Roma e Milano, hanno scelto le 1.100 smart disponibili, ormai noleggiate più di 1 milione di volte. Anche il governo si ricorda dell’auto elettrica: il decreto Sblocca Italia prevede sconti per i veicoli acquistati e immatricolati entro il 31 dicembre 2015.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Car2go: 1 mln di noleggi in Italia, il car sharing vola

Auto a idrogeno: incentivi da 15mila euro dal governo giapponese

Auto elettriche: vendite raddoppiate in Europa nel 2013

Auto elettriche: 16 miliardi in Cina per le colonnine. Compatibili con le Tesla?

#SbloccaItalia: novita’ su incentivi per veicoli a basse emissioni

GreenBiz.it

Network