Menu

destinationchargingNell’ultimo anno Tesla si è impegnata in Europa per fornire ai propri clienti punti di ricarica in zone comode. A questo proposito è nato Destination Charging, un programma che ha previsto la collocazione di colonnine presso strutture quali hotel, parcheggi, ristoranti o centri commerciali. Le stazioni si trovano quindi in corrispondenza di una serie di servizi partner, là dove i possessori di un’auto elettrica possono sostare per fornirle un po’ di autonomia in più.

E’ utile ricordare che queste stazioni di ricarica non sono veloci come le Supercharger, ma servono come punto di appoggio per chi si trova ad esempio in località turistiche o, mentre fa shopping, ne approfitta per ricaricare la propria vettura.

Per collaborare al progetto è possibile rintracciare informazioni utili sul sito Tesla.com alla sezione Destination Charging. Da qui basta contattare l’azienda. I partner ricevono subito i primi due connettori Tesla a costo zero da installare in un'area visibile e comoda.

All’utente queste stazioni forniscono 100 km di autonomia con un’ora di ricarica e per rintracciarli è sufficiente cliccare sullo stesso sito Web, che riporta una mappa.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Tesla e Panasonic insieme per il fotovoltaico e l’energia solare

2 auto su 3 saranno elettriche nelle grandi città entro il 2030

In Olanda in vendita solo auto elettriche entro il 2035

 

Network