Menu

mirai billPer sottolineare la riduzione dello smog grazie alle auto elettriche, Toyota ha deciso di pubblicizzare la sua Mirai con cartelloni che abbattono l’inquinamento. Come? Grazie ai materiali di cui sono composti, che di fatto riducono la percentuale di NOx nell'aria.

Anche se il tipo di batterie che dominano il mercato delle auto elettriche è quello al litio, non tutti i produttori si allineano, come dimostra Toyota utilizzando batterie a idrogeno. Purtroppo è una scelta difficoltosa, che si scontra con barriere di mercato quali la mancanza di infrastrutture adeguate.

Ma nulla ha fatto decidere a Toyota di abbandonare il progetto di vendita della Mirai e, per farle acquisire maggiore appeal, è stata ideata una campagna adv per i potenziali clienti che vivono in California, visibile nei dintorni di Los Angeles e San Francisco.

Il fulcro della campagna sono 37 eco-billboard, che veicolano un messaggio preciso: l’acqua è l’unica emissione generata dalla Mirai. Non è del tutto veritiero, non possiamo dire che questo veicolo e l’idrogeno che lo alimenta siano del tutto a impatto zero, ma a rafforzare l’idea è lo stesso cartellone, che promette di ripulire l’aria dall’ossido di azoto, tra i principali responsabili dello smog e delle piogge acide, legato tra l’altro alla circolazione di veicoli alimentati grazie ai combustibili fossili.

I cartelloni dovrebbero ripulire l’equivalente delle emissioni di NOx di 5.285 veicoli al mese. Merito di un diossido di titanio sviluppato da PURETi Group, che pare agisca come una sorta di purificatore dell’aria, qui utilizzato come rivestimento per i billboard. Peccato però che la campagna finisca il 28 maggio.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Airbag difettosi: Toyota richiama quasi 3 mln di veicoli

Auto elettriche e ibride: in Norvegia è record, sono la metà dei nuovi veicoli

Il primo treno a idrogeno correrà in Germania: inizia la rivoluzione della mobilità?  

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network