Menu

cambiamenti climatici onu limaCambiamenti climatici, sta per scadere il tempo per concordare il quadro giuridico per il taglio delle emissioni inquinanti. L’UE chiede all’ONU obiettivi giuridicamente vincolanti per l’accordo sui cambiamenti climatici in occasione della Conferenza sul Clima che si aprirà a Lima il 1° dicembre.

Ciò dovrà essere alla base delle decisioni internazionali per contenere il riscaldamento globale. L’Europa lo sosterrà in occasione del vertice ONU sul clima che si svolgerà in Perù la prossima settimana. La Conferenza sul Clima di Lima è destinata a fornire la prima bozza di un accordo per ridurre le emissioni di carbonio e per scongiurare un pericoloso cambiamento climatico. Il testo dovrebbe essere firmato in occasione della Conferenza delle Nazione Unite di Parigi del prossimo anno.

Un alto funzionario della Commissione Europea a Bruxelles ha reso noto che l’UE sta spingendo per ottenere obiettivi di mitigazione vincolanti dal punto di vista giuridico. Si tratta di una delle richieste principali da parte dell’Europa. Altri Paesi, però, la pensano in mood diverso. Secondo il funzionario, che si è pronunciato mantenendo l’anonimato, il prototipo dell’accordo attuale conterrebbe una vasta gamma di punti di vista su ciò che costituisce i vincili legali. A Lima vi sarebbe dunque la necessità di realizzare una maggiore convergenza.

Il presidente francese Hollande sarebbe intenzionato a segnare una svolta storica con il nuovo accordo sul clima, ma è probabile che a Lima avvengano numerosi compromessi. Ad esempio, gli Stati Uniti sarebbero interessati alla proposta della Nuova Zelanda, che dovrebbe contenere alcuni elementi giuridicamente vincolanti, ma consentire ai Paesi di determinare la portata a il ritmo delle loro riduzioni di emissioni, anche se ciò potrebbe mettere in discussione l’obiettivo di mantenere l’innalzamento della temperatura al di sotto dei 2°C.

Il vertice sul clima di Copenaghen, nel 2009, ha proposto la riduzione delle emissioni di Co2 del 42% entro il 2030. L’Unione Europea ha definito obiettivi vincolanti per la riduzione delle emissioni di Co2 del 40% sempre entro il 2030, ma rispetto al 1990, anziché al 2005. È possibile che gli Stati Uniti temano che un accordo vincolante sul clima possa rappresentare un problema per la campagna elettorale delle prossime elezioni, ma forse i Repubblicani potrebbero accettare la necessità di agire per arginare i cambiamenti climatici, se si dimostra che una transizione low carbon è possibile.

Marta Albè

Leggi anche:

10 scoperte recenti sui cambiamenti climatici

Cambiamenti climatici: la Banca Mondiale concentrerà gli investimenti sulle rinnovabili

Cambiamenti climatici, Ipcc: emissioni mai così alte da 80 mila anni

GreenBiz.it

Network