Menu

amianto 450Mentre è ancora fresca l’amarezza per la prescrizione che ha scritto la parola Fine sul processo Eternit, il pm di Milano chiede fino a 8 anni per gli 8 ex vertici della Pirelli. Si tratta di un nuovo tassello del processo sull’amianto che coinvolge l’azienda.

Tra gli ex manager c’è anche Guido Veronesi, di Umberto, oncologo ed ex ministro della Sanità. Si prosegue il 21 gennaio, intanto l’Asl di Milano ha ritirato la costituzione come parte civile (pare sia stato raggiunto un accordo per un risarcimento), mentre le altre parti civili, familiari delle vittime in primis, prenderanno la parola in quella data.

LE ACCUSEOmicidio colposo e lesioni: accuse pesanti, legate a fatti risalenti agli anni Settanta e Ottanta, ma soprattutto ad una ventina di decessi o patologie tumorali connesse all’amianto. Le pene chieste dal pm Maurizio Ascione vanno da 3 a 8 anni di reclusione, chiesta l’assoluzione per altri 3 ex manager.

I NOMI – Ecco allora i nomi degli imputati: Ludovico Grandi e Gianfranco Bellingeri, ad negli anni Ottanta, per cui si chiedono 8 e 5 anni mezzo di reclusione; Guido Veronesi, membro del cda, per cui si chiedono 4 anni; Piero Giorgio Sierra, 5 anni; Omar Liberati, Gavino Manca e Armando Moroni, 3 anni; Luciano Isola 6 anni. Assolti invece Gabriele Battaglioli, Roberto Picco e Carlo Pedone perché il fatto non costituisce reato. Questi ultimi sono stati dirigenti solo per un breve periodo.

L’AMIANTO CHE UCCIDE – Alla Pirelli, negli stabilimenti di Milano, i lavoratori non avevano a disposizione alcun sistema di protezione. Per questo l’esposizione massiccia e ripetuta ha portato a patologie e decessi. “Negli anni Ottanta c'era la consapevolezza dei rischi per la salute dovuti all'esposizione all'amianto e il cda aveva l'obbligo di adottare scrupolosamente delle misure", ha precisato il pm, come riporta La Repubblica.

Anzi, nelle riunioni del Cda si parlava di provvedimenti contro gli infortuni sul lavoro ma non di malattie professionali. Secondo i racconti degli operai, di fatto, non si usavano mascherine, né i vertici hanno tenuto in considerazione le richieste di maggiore protezione dai rischi connessi all’inalazione.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Ilva, Riva assolti per morte di cancro. Nuovo decreto in arrivo

Eternit, prescrizione inaccettabile e carenza normativa. Chi paga per i danni ambientali?

Processo Eternit: prescrizione per il reato di disastro ambientale. Le reazioni

GreenBiz.it

Network