Menu

starbucks20Stacy Pincus, una donna residente nell’Illinois, Usa, ha fatto causa a Starbucks chiedendo 5 mln di dollari. Il motivo, troppo ghiaccio nei drink serviti ai clienti.

L’accusa è quella di riempire per metà i bicchieri di ghiaccio in modo da ottenere un certo risparmio. In sostanza, quando si ordina un caffè Venti, ad esempio, invece delle 24 once se ne riceverebbero poco più della metà, circa 14. Il ghiaccio va a rimpiazzare le altre 10.

Arriva quindi a Starbucks l’accusa di negligenza e scorrettezza, con la Pincus che si fa portavoce di tutti i clienti che hanno acquistato bevande fredde negli ultimi 10 anni.

Per l’azienda tuttavia “i clienti sanno e si aspettano che il ghiaccio sia una componente essenziale dei drink”, quindi non c’è assolutamente nulla di scorretto né di fraudolento nell’inserire una quantità notevole di ghiaccio al loro interno, fermo restando che ogni cliente è libero di chiedere che le bevande siano ripreparate qualora non siano di gradimento.

Ma nel mirino finiscono anche alcuni annunci pubblicitari, che secondo le accuse sarebbero ingannevoli proprio per i riferimenti alla loro capienza, alla luce del fatto che i bicchieri invece non sarebbero affatto riempiti fino all’orlo.

Accuse insensate? Alcune recensioni su Yelp come quella qui di seguito appoggerebbero però la tesi di Stacy Pincus.

starbucksyelp

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Sprechi alimentari: Starbucks dona 50 milioni di pasti negli Usa (VIDEO)

Anche Starbucks utilizzerà solo uova di galline allevate a terra entro il 2020

Starbucks, Nike e Walmart si impegnano a diventare 100% rinnovabili

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network