Menu

salone del gusto 2014Il buon cibo salverà il mondo. Ecco il motto con cui si aprono le edizioni 2014 del Salone del Gusto e Terra Madre a Torino. Tra i maggiori progetti internazionali presenti quest’anno alla manifestazione troviamo l’Arca del Gusto e Coltivare la Città. Le aziende presentano i propri impegni di sostenibilità relativi ad ambiente, cibo e agricoltura.

Coltiva la Città è un progetto internazionale che vede al centro i pionieri dell’agricoltura che hanno escogitato modi nuovi e creativi per introdurre la coltivazione anche in città, promuovendo orti verticali e orti sui tetti per sfruttare nel modo più efficace gli spazi disponibili. Protagonisti gli orti comunitari di Boston, gli orti sui tetti di New York, i giardini verticali di Singapore e gli orti urbani di Parigi e San Francisco.

Lurisia, noto marchio di acque minerali, si propone come realtà dalla parte del territorio e dei prodotti genuini. L’azienda punta sulla predilezione per i contenitori in vetro, più naturali e garantiti rispetto alle bottiglie di plastica. Si aggiunge l’impegno a produrre ricchezza anche economica per ridistribuirla sul territorio in modo equo, a favore dei lavoratori.

Lavazza è presente al salone del gusto con 12 fotografie dedicate ai produttori di Slow Food e alle loro comunità in Africa. Le immagini fanno parte del calendario Lavazza 2015 e sono state scattate dal fotografo Steve McCurry. Il calendario è dedicato agli Earth Defenders, cioè a quei difensori della Terra che ogni giorno proteggono il territorio con coraggio e devozione.

Il ricavato delle vendite del calendario supporterà il progetto di Slow Food “10 mila orti in Africa”. “Diecimila è solo una goccia nell’oceano, ma permetterà a contadini ed agronomi di coltivare il proprio cibo. Gli africani sono in grado di gestire il futuro dell’Africa. Non si tratta di fare la carità o di aiutare i poveri, ma di restituire all’Africa ciò che la nostra civiltà le ha sottratto” – ha dichiarato Carlo Petrini. Sono prima di tutto gli agricoltori locali e i contadini rurali ad occuparsi della difesa della biodiversità.

Tra i progetti internazionali più importanti di Slow Food troviamo inoltre l’Arca del Gusto, di cui la BBC è partner radiofonico per il Salone del Gusto 2014. La BBC racconterà le storie dei prodotti dell’Arca del Gusto per farle conoscere al proprio vasto pubblico internazionale. Terra Madre vuole riconfermarsi quest’anno come la vetrina dei più rari esempi di biodiversità agroalimentare a rischio di estinzione, appartenenti alla cultura e alle tradizioni delle popolazioni rurali.

L’area dedicata a queste eccellenze occupa uno spazio di 600 metri quadrati e nella forma ricorda l’Arca di Noè. I produttori e i consumatori potranno candidare i propri prodotti preferiti per garantirne la conservazione per le generazioni future.

A Terra Madre si discuterà, infine, dei problemi che riguardano l’attuale sistema alimentare: la produzione sostenibile di carne, la scomparsa delle api, la problematica del land grabbing, l’accaparramento delle terre nei confronti delle popolazioni indigene, così come i cambiamenti sociali e ambientali che contadini e produttori stanno affrontando in tutto il mondo. Sono queste infatti le questioni cruciali per la sopravvivenza delle realtà produttive che difendono la biodiversità.

Ecco le principali opinioni su biodiversità e sostenibilità espresse su Twitter in occasione del Salone del Gusto e Terra Madre 2014.

Marta Albè

Leggi anche:

Salone del Gusto 2012: mettere il cibo al centro dell'economia

Slow Food: Salone del Gusto e Terra Madre 2010 diventano ecosostenibili

Salone del Gusto: arriva “Assieme”, l'olio 100% italiano

GreenBiz.it

Network