Menu

solarimpulsepiramidiSolar Impulse 2 ce l’ha fatta: ha completato il suo viaggio attorno al mondo sfruttando solamente energia solare per volare. Ultima tappa, Abu Dhabi, da cui era anche partito a marzo 2015.

È stata una tappa difficoltosa, quest’ultima, che ha visto il solo pilota Bertrand Piccard lottare con i comandi per gestire le turbolenze provocate dall’aria calda del deserto.

Ma Solar Impulse 2 è entrato nella storia dell’aviazione e nella storia dell’energia, dopo aver attraversato due oceani e aver viaggiato per 23 giorni grazie alle 17 mila celle solari poste sulle sue ali.

Erano 15 anni che Piccard lavorava per raggiungere questo obiettivo. “Le energie pulite che utilizziamo possono essere utilizzate ovunque. Abbiamo volato per 40 mila km, ora altre persone dovranno fare di meglio. È compito di tutti, di cittadini, capi di stato, sindaci, imprenditori e Ceo. Sono energie che rendono il mondo migliore non solo dal punto di vista ambientale ma perché generano lavoro e sono redditizie”, ha dichiarato il pilota al Guardian.

Piccard si è alternato al comando con André Borschberg. Il velivolo avrebbe potuto volare ininterrottamente ma i piloti no, a causa delle condizioni non ottimali a bordo: una cabina non riscaldata e senza pressurizzazione, con un sedile che funziona anche da wc e con la possibilità di concedersi solo piccole pause per dormire.

È stato proprio Borschberg ad effettuare più ore a bordo, nella tratta sul Pacifico dal Giappone alle Hawaii. Ma la sfida più difficile per Piccard è stata un’altra: ottenere il brevetto da pilota. In questo Borschberg era in vantaggio, essendo un ex pilota della Swiss Air Force.

Una missione storica, che ha catturato l’attenzione di tutto il mondo e ottenuto i complimenti anche da personaggi come Elon Musk e Leonardo DiCaprio, convinti sostenitori di una nuova mobilità del tutto zero emission.

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Rinnovabili revolution: quando il primo aereo solare sorvola l’impianto che produce energia pulita anche di notte

#SolarImpulse2 arriva in Egitto. Ultima tappa, Abu Dhabi

Solar Voyager, la barca ad energia solare che tenta la traversata dell’Atlantico

GreenBiz.it

Network