Menu

renegadeSulla questione dei software per truccare le emissioni che potrebbero essere stati installati anche sulle auto Fca si inserisce anche la Germania, che chiede un intervento fermo da parte dell’Ue perché siano richiamati alcuni modelli della casa automobilistica guidata da Sergio Marchionne.

Nei giorni scorsi negli Usa l’Epa ha puntato il dito proprio contro Fca: anche su modelli Fiat Chrysler potrebbero essere stati installati i famigerati software che restituirebbero dati sulle emissioni falsati. Abbiamo già evidenziato come non sia un caso paragonabile al Dieselgate che ha coinvolto Volkswagen, ma la notizia ha comunque fatto il giro del mondo.

Ecco perché è emersa la richiesta del ministro Alexander Dobrindt rivolta all’Ue affinché vengano richiamati i veicoli che in Germania erano stati oggetto di indagine, vale a dire FIAT 500, Doblò e Jeep-Renegade. Il ministro si è espresso durante un’intervista, ma dall’Italia sono scaturite varie reazioni, tra cui quella del nostro ministero dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, che ricorda a Berlino gli illeciti di VW.

Ma dalla Germania sono molto fermi nel sottolineare che dal nostro Paese mancano risposte chiare su quanto accertato in materia di emissioni a carico delle auto Fca, quindi in attesa di accertare le violazioni puntano al richiamo dei modelli in questione.

Le indagini sono state condotte da enti tedeschi; anche dalla Commisisone Ue aspettano ancora risposte sulla questione Fca. Qualora non arrivassero potrebbe aprirsi persino una procedura di infrazione. Le nostre istituzioni si limitano alla risposta che ha sintetizzato Graziano Delrio. Il nostro ministro dei Trasporti sostiene infatti che, visto che ogni Paese ha regole proprie per valutare quando un dispositivo sia lecito, dalla Germania ci si aspetta lo stesso trattamento che l’Italia ha riservato a VW. Rispetto, insomma.

 

Anna Tita Gallo

LEGGI anche:

Dieselgate: anche Renault nel mirino per irregolarità sulle emissioni

Dieselgate: Volkswagen patteggia e ammette le colpe. Accordo da 4,3 mld di dollari

Dieselgate: FCA vola in borsa, smentito lo scandalo delle emissioni truccate

 

GreenBiz.it

Network