Menu

bicocca differenzaGestione dei rifiuti, sì alla raccolta differenziata. All’Università di Milano-Bicocca parte un nuovo sistema di gestione dei rifiuti, con la raccolta differenziata al 70%. L’ateneo milanese vuole fare la differenza, eliminando i cestini dei rifiuti indifferenziati da tutti gli uffici.

“Bicocca fa la differenza”, ecco il nome del nuovo progetto per la gestione dei rifiuti. Niente più cestini per la raccolta indifferenziata nei locali e nelle aree comuni, ma isole ecologiche, monitoraggio digitale dei rifiuti e introduzione di erogatori di acqua potabile.

Il sistema si propone di combinare l’aspetto informativo con la ricerca per migliorare la raccolta differenziata. L’ottimizzazione della raccolta differenziata porterà ad un risparmio sui servizi di pulizia di circa 90 mila euro all’anno.

Nella Galleria della Scienza, dove il progetto è stato appena presentato, sono state posizionate le isole ecologiche, installati gli erogatori dell’acqua e ricostruiti due uffici di dimensioni reali dai quali sono stati eliminati tutti i cestini per spiegare come funziona il nuovo sistema di gestione dei rifiuti e quali sono le novità per gli studenti e i dipendenti dell’ateneo.

Gli obiettivi principali riguardano il raggiungimento del 70% per la raccolta differenziata e la riduzione di circa il 50% delle emissioni di Co2. A Milano-Bicocca ci saranno ben 500 isole ecologiche. Negli uffici rimarrà esclusivamente il contenitore della carta. Le isole ecologiche saranno dotate di QR code e potranno essere monitorate dagli stessi utenti.

L’installazione di erogatori di acqua potabile filtrata liscia e gassata, per un totale di 40 unità, mira a ridurre sensibilmente il consumo di acqua in bottiglie di plastica e i relativi rifiuti. Studenti e personale riceveranno gratuitamente borracce in acciaio ricaricabili dagli erogatori. È stata calcolata una riduzione del 30% del numero delle bottigliette di plastica e delle emissioni di Co2.

Il nuovo sistema di gestione dei rifiuti è stato sviluppato dal Centro di Ricerca POLARIS del Dipartimento di Scienze dell’Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra, in collaborazione con la Direzione generale e l'area Risorse immobiliari dell’Ateneo che si occupa della gestione logistica del Campus.

“Il sistema di gestione dei rifiuti” – hanno spiegato Marina Camatini, presidente del centro POLARIS, Giacomo Magatti e Massimiliano Rossetti, ricercatori del centro POLARIS – “progettato da POLARIS in collaborazione con la Direzione generale dell’Ateneo e l'area Risorse immobiliari rappresenta l'evoluzione del sistema in atto e intende migliorare sensibilmente la raccolta differenziata. Il coinvolgimento del personale e degli studenti è sicuramente la mossa vincente che consentirà di conseguire un sensibile miglioramento e di raggiungere gli obiettivi che si propone il progetto Carbon Management, in atto come accordo volontario con il Ministero dell'Ambiente”.

Questo progetto è stato tra i finalisti del premio Smart Communities all’ultimo Smau, nella categoria “Energia e ambiente”.

Scarica qui il progetto Bicocca fa la differenza.

Marta Albè

Leggi anche:

Start up: università e incubatori cercano idee innovative

Raccolta differenziata del vetro: costo o opportunità?

Aggiungi commento

Le idee e le opinioni espresse dai lettori attraverso i commenti a non rappresentano in alcun modo l'opinione della redazione e dell'editore. Gli autori dei messaggi rispondono del loro contenuto.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi siamo

Network