Menu

plastic road

Riciclare la plastica su larga scala per realizzare un materiale adatto a sostituire l'asfalto per la copertura stradale. In Olanda, a Rotterdam, prende piede il progetto Plastic Road.

L'idea è nata dalla società olandese Volker Wessels che propone un'alternativa all'asfalto per la copertura stradale con un design più leggero, una riduzione del tempo di costruzione, praticamente esente da manutenzione e tre volte più duratura.

Altri progetti avevano già preso in considerazione il riciclo delle buste di plastica per la creazione di nuovo asfalto per le strade e l'utilizzo di pneumatici riciclati per realizzare un asfalto più ecologico e sicuro. Senza contare l'asfalto in grado di produrre energia solare.

Plastic Road prevede una copertura stradale che consiste al 100% di materiale riciclato. È l'alternativa sostenibile ideale alle strutture stradali convenzionale, a parere della società olandese che la propone.

Infatti Plastic Road offrirebbe numerosi vantaggi rispetto alle strade convenzionali sia in termini di costruzione che di manutenzione. La plastica infatti viene considerata più sostenibile e di più facile utilizzo rispetto all'asfalto.

Plastic Road propone strutture modulari per le produzioni stradali che possono essere assemblate in fabbrica e trasportate sul luogo di posa riducendo il tempo necessario per i lavori stradali veri e propri. La struttura viene progettata come già dotata dello spazio necessario per il passaggio di cavi e tubazioni e per lo scorrimento dell'acqua piovana.

In questo momento Plastic Road è ancora un'idea sulla carta. La fase successiva sarà quella di passare alla costruzione e ai test in laboratorio per assicurarsi che ogni struttura sia davvero sicura così come è stata pensata o se sarà da migliorare.

plastic road

plastic road 2

plastic road 3

L'azienda è alla ricerca di partner e di produttori del settore delle materie plastiche che vogliano collaborare al progetto pilota per concretizzare la nascita di Plastic Road. Maggiori informazioni sul sito web di Volker Wessels.

Marta Albè

Fonte foto: Volker Wessels

Leggi anche:

 

Network