Menu

Aumentano i corrispettivi per i Comuni e gli Operatori che collaborano con il Consorzio CIAL. È stato approvato e reso disponibile il nuovo testo della "Convenzione Locale per il Conferimento dei Rifiuti di Imballaggio in Alluminio provenienti da Raccolta Differenziata" e il relativo nuovo Modello di Delega, validi per il quinquennio 1° aprile 2014 – 31 marzo 2019.

I documenti, di convenzione seguono l'Accordo Anci-CiAl dell'aprile 2014 che ha posto nuove prospettive di sviluppo della raccolta differenziata degli imballaggi in alluminio, incrementando in maniera significativa i corrispettivi riconosciuti da CIAL alle pubbliche amministrazioni e riportando molte novità finalizzate al miglioramento quanti-qualitativo delle rese di raccolta.

LE NOVITA' - In particolare le maggiori novità riguardano l'aumento del 23% dei corrispettivi economici e l'introduzione di una "fascia di eccellenza", riconosciuta ai soggetti convenzionati che avviano a riciclo, tramite CIAL, quantitativi di imballaggi in alluminio con frazioni estranee inferiori al 2%.

Questa nuova fascia qualitativa si aggiunge alle altre tre già previste, per le quali sono stati rimodulati i riferimenti qualitativi e di conseguenza anche il corrispettivo economico.

alluminio corr

In un'ottica di sviluppo finalizzata a raggiungere elevate rese qualitative della raccolta differenziata, i Comuni possono ricevere fino a circa 630 euro per ogni tonnellata di imballaggi in alluminio conferiti a CIAL, considerando anche i corrispettivi per le prestazioni aggiuntive e le annuali premialità del Consorzio.

Negli ultimi 5 anni, il consorzio ha corrisposto ai soggetti convenzionati circa 23 milioni di euro. Anche se, annualmente, il Consorzio mette a disposizione oltre 40 milioni di euro che potrebbero essere corrisposti ai soggetti che stipulano l'accordo di convenzione e conferiscono costanti quantitativi di materiale di buona qualità.

Grazie a questa attività, ad oggi sono 6.670 i Comuni italiani dove è organizzata la raccolta differenziata degli imballaggi in alluminio: l'83% del totale. Mentre, sono coinvolti nella raccolta circa 53 milioni di cittadini.

LEGGI anche:

Vuoto a rendere: Cial boccia la norma del Collegato Ambiente

GreenBiz.it

Network