Menu

Racoglitori-rifiutiRicevevano, trasportavano e cedevano in modo totalmente abusivo ingenti quantitativi di "rifiuti speciali". La Polizia di Stato di Roma ha concluso un'indagine che ha interrotto l'attività di un'organizzazione criminale specializzata nel traffico illecito di rifiuti speciali.

Tra le attività più significative dell'organizzazione criminale c'è la raccolta di indumenti usati, prodotti tessili e accessori di abbigliamento da rivendere in diversi Paesi europei e africani.

Secondo gli investigatori al vertice del gruppo c'era un boss della camorra, leader del clan dei Cozzolino, attivo nella zona di Portici-Ercolano (Napoli). L'attività investigativa, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia della Capitale e condotta a termine in collaborazione con la Polizia provinciale, ha portato all'esecuzione di 14 ordinanze di custodia cautelare.

Le misure di sicurezza sono state eseguite a Roma, Napoli e Salerno, e gli indagati sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di rifiuti speciali, in violazione di numerose disposizioni del Testo unico dell'ambiente, nonché di falsità materiale e ideologica in atti pubblici.

I reati sono aggravati dal fatto che gli appartenenti all'associazione criminale avrebbero fornito il loro contributo nella commissione dei reati a vantaggio di un gruppo organizzato impegnato in attività illecite in più di uno Stato. Gli agenti della Questura hanno agito alle prime luci dell'alba di oggi, eseguendo anche numerose perquisizioni e sequestri in diverse regioni italiane.

Leggi anche:

Rifiuti, Campania: la mano della camorra sulla discarica di Chiaiano

Agricoltura: la criminalità nelle campagne è un business da oltre 50 miliardi l’anno

Traffico illecito di rifiuti tessili, 32 arresti in Campania

GreenBiz.it

Network