Menu

deposito scorie nucleari sardegna

Deposito rifiuti nucleari, nessuna decisione è stata presa. La Sardegna può stare tranquilla. Si tratta di quanto dichiarato dal ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti in merito alla costruzione di un deposito per le scorie nucleari in Sardegna.

La regione era preoccupata per via di alcune voci che negli ultimi tempi avevano dato l'isola come sito prescelto per la realizzazione del deposito nucleare unico per i rifiuti radioattivi. Galletti ha precisato che: "Non è stata presa, da parte del Governo, alcuna decisione, perché è in corso un processo molto trasparente, molto partecipato, che si concluderà con l'inizio dell'anno nuovo".

Al momento i ministeri dell'Ambiente e dello Sviluppo Economico starebbero valutando la carta fornita dall'Ispra e dalla Sogin dove vengono indicati i siti del territorio nazionale che hanno le caratteristiche tecniche per poter ospitare il deposito.

La decisione per la realizzazione del deposito sarà preceduta da una consultazione pubblica e da un dibattito molto ampio, alla fine del quale si stabilirà dove collocare il sito. Il ministro dell'Ambiente lo ha precisato a margine della Conferenza mondiale sull'impatto ambientale promossa dalla Iaia, rispondendo alle domande dei giornalisti che hanno chiesto delucidazioni in merito alle preoccupazioni della Sardegna.

Già all'inizio di aprile il Ministero dell'Ambiente aveva sottolineato che l'area per la realizzazione del deposito per le scorie nucleari non era ancora stata stabilita. Sono ancora in corso le valutazioni tecniche sulla Carta Nazionale redatta da Sogin. La decisione seguirà le linee guida dell'Ispra.

Avremo maggiori informazioni probabilmente tra settembre e ottobre 2015, quando si terrà il Seminario nazionale indetto da Sogin, con la realizzazione della Carta aree idonee in cui verrà segnalata la rosa delle realtà locali tra cui scegliere per la realizzazione effettiva del deposito delle scorie nucleari. Se la decisione dovesse risultare complessa, un apposito comitato interministeriale avrà il compito di decretare in modo definitivo il sito più idoneo.

Marta Albè

Leggi anche:

Nucleare, Sogin: deposito nazionale rifiuti radioattivi al via entro il 2021

Expo 2015 e nucleare: Sogin nel mirino per appalti su smaltimento scorie

GreenBiz.it

Network