Menu


biologico logoLa certificazione del biologico è stato uno degli argomenti più dibattuti alla XXV edizione della manifestazione Sana 2013, che ieri ha chiuso i battenti a Bologna con risultati lusinghieri.


Ne abbiamo parlato con i certificatori presenti in fiera, che hanno mostrato di avere punti di vista diversi sui limiti e sui vantaggi per le aziende con prodotti da agricoltura biologica.

Fabrizio Piva, di CCPB, che al Salone del Biologico e Naturale ha organizzato convegni dagli spunti interessanti (vedi "Il biologico sfamerà il mondo?" o "Dalla chimica verde al cosmetico biologico"), ci ha offerto una panoramica delle certificazioni nella cosmesi biologica.

E ha parlato della necessità di uno standard pubblico e univoco, da produrre a livello comunitario, così come accade nell'alimentare.

Quali sono, infine, le certificazioni necessarie per operare nei mercati esteri? Ce lo ha spiegato Alessandro D'Elia Suolo e Salute, che ci ha offerto una panoramica non solo del Global Gap, ma anche delle certificazioni religiose, che si possono abbinare a quelle biologiche.