Menu

sana 1Sono sempre più i consumatori che nutrono interesse per un cibo sano e meno contaminato. Lo dimostrano i numeri del biologico, un settore che non sembra conoscere crisi.

Nel 2012 le vendite realizzate da un punto vendita specializzato in prodotti biologici sono state pari a 704 mila euro (1.207 mila euro nei punti vendita con superficie maggiore di 200 metri quadrati e 525 mila euro in quelli inferiori a 200 metri quadrati). Le vendite alimentari sul totale pesano mediamente per il 90,6%; ai prodotti non food afferisce invece il 9,4% del giro d'affari.

Considerando le macro-categorie di prodotti, le vendite 2012 sono guidate soprattutto dagli alimentari secchi confezionati (che incidono mediamente per il 57,2% sulle vendite totali del pdv) e dagli alimentari freschi (20,3% del totale); seguono gli alimentari freschi confezionati (13,1%), i prodotti per la cura persona (5,7%) e per l'igiene della casa (2,7%). Chiudono le altre tipologie
di prodotti (libri, giochi, abbigliamento ...) con l'1% sul totale delle vendite del pdv.

Ma quali sono le strategie di marketing della distribuzione italiana di settore? Ne abbiamo parlato con gli operatori all'interno dell'edizione 2013 di Sana, il Salone del Biologico e del Naturale.

Almaverde bio, dopo i suoi buoni risultati finanziari del primo semestre 2013, punta all'estero, oltre a consolidare ovviamente la sua presenza sul mercato nazionale. Quali sono i mercati su cui ha posato gli occhi?

Ce lo ha spiegato, in una video intervista, Paolo Pari, illustrando, insieme a questo importante progetto industriale realizzato in collaborazione con Ki Group, anche le ultime novità sulla catena di negozi monomarca con insegna Almaverde bio. Il primo punto vendita sarà a Milano e aprirà i battenti presumibilmente il prossimo Novembre.

Martina Di Costanzo, di BioItalia, ha puntato tutto su social network e web marketing per dare nuova linfa alle strategie aziendali e cercare di attrarre anche i consumatori più giovani. A completare la sua tattica giungono un contest fotografico realizzato in estemporanea in fiera e consulenze gratuite con una nutrizionista, per fornire ai visitatori consigli pratici su come effettuare una spesa bio "intelligente" e low cost.